//
stai leggendo...
Amore e sesso ai tempi delle chat. Mie riflessioni e (dis)avventure

Ansia da prova costume?

Tra pochi giorni è primavera. Me ne sono reso conto oggi passeggiando a Milano in corso Buenos Aires quando ho iniziato a intravedere ragazzi camminare con muscoli che strabordavano da magliettine strizzate. Sto male… ormone primaverile alle porte!

Corso buenos aires

Oltre a questo, l’arrivo della primavera significa anche un’altra temibilissima cosa: la prova costume è alle porte. Se l’anno scorso ero riuscito a salvarmi in corner dopo un inverno di week-end alcolici, grazie alla Terapia in 10 step “a ciclo adiposo infinito”. La mia corsa verso la plausibile chiavabilità, quest’anno voglio  giocare d’anticipo. O almeno…vorrei provarci.

Sì, ci tendo a sottolinearlo: vorrei. Perchè in realtà sono le 23 e io sto mangiando una fetta di crostata fatta in casa che se ha 300 calorie è dir poco. E non è che questa sia la mia cena, in realtà sono reduce da una pizzata da Pizza OK in Porta Venezia dove non solo ho trasgredito la regola non scritta per cui dopo le 19 non si mangiano carboidrati, ma per di più ho scelto una delle pizze più grasse che ci stanno nel menu. Ma va beh…

Torniamo al titolo del post: è arrivato il momento di mettersi in riga in vista della prova costume. E quest’anno forse la provvidenza mi sorride. Infatti venerdì sera sono andato a ballare al Q Lab. Orario: non so, direi l’orario del vodka lemon numero quattro. Come al solito mi sposto tra una sala e l’altra deambulando come una pallina di flipper che senza controllo rimbalza da una parete all’altra. Quando ad un certo punto vengo placcato da due grosse braccia. Fermo gli occhi che mi ruotano in maniera scoordinata nelle orbite e metto a fuoco il soggetto davanti a me. Dopo 10 secondi intravedo i lineamenti. Dopo altri 10 mi rendo conto che il volto che ho di fronte è familiare. 10 secondi dopo ancora realizzo chi è: il mio istruttore della palestra.

Perchè non mi è ancora capitato di scriverne, ma da quando mi sono iscritto nella nuova palestra (vedi Palestre gay a Milano? Cosa ti può succedere) avevo notato un istruttore caruccio. Lo vedevo sempre mentre facevo la lezione di spinning, senza capire però il suo orientamento sessuale. Ma si sa che è meglio non perderci tempo con gli istruttori, perchè tanto son tutti puttanieri. Quindi non ci ho investito troppe energie. Ma poi mi ritrovo tra le sue braccia venerdì sera. E non sembra intenzionato a lasciarmi andare. Si rende conto del mio stato etilico, io non provo nemmeno a dissimulare perchè non sarei credibile. Parliamo. Mi ricordo poco o nulla, se non lui che mi dice di avermi notato mentre faccio spinning (vedi SOS culo: a lezione di spinning con Laura Pausini)  e che non riesce a togliermi gli occhi di dosso mentre pedalo e si intravedono le mie mutande uscire leggermente dal dietro dei miei pantaloncini (cosa che non avrei mani nemmeno immaginato). Mi dice anche che le sue clienti mentre lui le fa allenare si distraggono e mi guardano. Io, per quanto brillo, sono lusingato. Mai avrei pensato che qualcuno mi notasse, soprattutto nello stato in cui mi trovo durante una lezione di spinning (paonazzo e schifosamente sudato).

Alla fine dopo pochi minuti mi ritrovo a limonare con lui appoggiati al muro. E gli dico: “Ma sai che vorrei che tu mi facessi la scheda per l’allenamento”, lui risponde in qualche modo che non ricordo ma afferro che la risposta è positiva. Il limone continua. Mi dice di essere brasiliano. Le nostre mani si muovono con più energica curiosità di quanta a Carrà ne mettesse nella coreografia del tuca tuca…ci esploriamo un po’. Poi io dico – ed è vero – di essere troppo cotto e che è meglio se vado a casa. Lui mi lascia andare, ma prima prende il mio telefono e salva il suo numero, dicendomi che se voglio vederlo mi devo far sentire io.

Mi sveglio la mattina dopo e penso “Ho trovato la soluzione per arrivare in forma smagliante alla prova costume: fidanzarmi con l’istruttore delle palestra”, ma come avevo fatto a non pensarci prima? Si prenderà lui cura del mio fisico fino al momento di indossare lo slippino da spiaggia! E già mi sento un po’ fidanzato con lui. Riesco a rintracciare tra i vari ricordi della sera prima il suo nome in non so quale angolino del mio cervello. Vado subito a cercare il suo contatto su Whatsapp per vedere quale fotina abbia. E con mia grande sorpresa scopro che nella sua foto profilo lui, da bravo brasiliano, compare proprio con il costume tipico del suo paese: quello del carnevale di Rio! Cioè, proprio come questo qui sotto.

carnevale rio

Il mio entusiasmo viene smorzato improvvisamente. Lo trovavo così carino… ma non posso frequentare uno che si ricopre di lustrini e pajette! Perchè non riesco a conoscerne uno normale una volta tanto? Non so…a questa domanda non c’è risposta. L’unica risposta che conosco è quella alla domanda “Vuoi arrivare quest’estate in forma” e la risposta è Sì! Darei qualsiasi cosa per arrivare alla prova costume con un fisico da fare invidia a Pamela Prati. E quindi: che il flirt con l’istruttore brasiliano delle palestra abbia inizio.

Pamela Prati Bagaglino 2

Advertisements

About Ti Voglio Pene

Qualcuno dice che essere gay sia bello. A me piace e lo dico! Scrivo di sesso e di amore ai tempi delle chat, di quanto a volte sia difficile essere gay, di cazzate e di boni stratosferici. Sono il ragazzo della porta accanto... Autore di https://tivogliopene.wordpress.com/

Discussion

2 thoughts on “Ansia da prova costume?

  1. Ma cosa te ne frega di fidanzarti con l’istruttore? Giocaci un po’, tanto si da che qualunque puttaniere se non riesce a tenerti al guinzaglio, si trasforma da padrone a cagnolino! Inoltre, più persone intorno = più stimoli = meno tempo/voglia di mangiare… 😀

    R. ❤

    Posted by diariodiunarossa | March 25, 2014, 5:26 pm

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

Chi scrive Ti Voglio Pene?

posts by email.

Join 356 other followers

%d bloggers like this: